Indispensabile da sapere

Generiche

NON POSSONO sottoporsi ai trattamenti tutte le persone che soffrono di patologie cardiache, neurologiche ed emocoagulative o che seguono terapie farmacologiche (che possono interagire negativamente con questo tipo di trattamenti); donne in gravidanza o in allattamento; individui che sono sotto l’ influenza di droghe e/o alcool e minorenni non accompagnati da entrambi i genitori.

La percezione del dolore è un fattore sempre molto soggettivo. I trattamenti di trucco permanente in genere non sono dolorosi, ancor meno quelli di tricopigmentazione, ma proprio perché non si conosce la percezione del dolore di ciascun cliente si utilizzeranno appositi prodotti desensibilizzanti che renderanno il lavoro indolore e, addirittura, rilassante.

La durata di questi lavori è anch’essa molto soggettiva e dipende da diversi fattori:

  • l’ età dell’ individuo. Più il cliente è giovane più veloce sarà il processo di eliminazione dei pigmenti rispetto ad una persona un po’ più anziana.
  • l’ esposizione al sole e a fonti di calore molto forti, che accelerano il processo di eliminazione del colore
  • il potere di cicatrizzazione della pelle
  • il tipo di pigmento spinto nel derma

In media i nostri clienti eseguono il ritocco dopo circa un anno.

La prassi lavorativa del Belfatto Lab prevede una consulenza gratuita, che precede ogni eventuale trattamento, nel corso della quale il potenziale cliente ha l’ opportunità di conoscere tutte le norme igienico – sanitarie che interessano questo tipo di trattamenti, di approfondire l’ aspetto tecnico e di esternare il proprio gusto estetico. L’ operatore avrà modo, a sua volta, di visionare la parte su cui si desidera intervenire e di capirne la fattibilità e le esigenze del cliente.

Fissare un appuntamento presso un centro Belfatto Lab è molto semplice, basta chiamare oppure inviare una e-mail al centro a voi più vicino. Tutti i recapiti sono su questo sito, nell’ area Contatti

Dermopigmentazione Paramedicale

Prima di sottoporsi ad un trattamento di dermopigmentazione paramedicale è necessario che attendere almeno 8 mesi dall’ ultimo intervento chirurgico, per permettere alla parte trattata di cicatrizzare al meglio e di non presentare arrossamenti o irritazioni.

Con la dermopigmentazione paramedicale è possibile intervenire su cicatrici piatte, lisce o bianche ma NON POSSONO essere trattati cheloidi o cicatrici ipertrofiche.

A differenza delle altre specializzazioni (trucco permanente e tricopigmentazione) in cui la soluzione con pigmenti definitivi è sempre sconsigliata,nella dermopigmentazione paramedicale è possibile utilizzare sia colori bioriassorbibili che colori definitivi quando le parti da trattare NON sono in continua esposizione ai raggi solari o a fonti di calore molto forti (come nel caso di cicatrici sul seno o vitiligini nelle parti intime). Per tutti gli altri trattamenti su parti del corpo molto esposte (in particolare per il viso e le mani) la scelta ricade sempre sui pigmenti bioriassorbibili.

Con l’ utilizzo di pigmenti bioriassorbibili, solitamente, sono necessarie almeno 2 sedute affinchè il colore della parte trattata si confonda perfettamente con quello della pelle circostante. Nella prima seduta verranno effettuati diversi test utilizzando i 2/ 3 colori che più si avvicinano al colore della pelle del cliente. Dopo 40 giorni, nel corso della seconda seduta, scelta la tonalità più adatta, si procede con il trattamento vero e proprio.

Il costo di questi trattamenti dipende sempre dall’ estensione della zona da trattare, sia in presenza di cicatrici che di macchie ipo o ipercromiche.
Fai click qui per chiedere un preventivo personalizzato

Trucco Permanente

Il trucco permanente è un trattamento estetico realizzato spingendo un pigmento nel derma attraverso un’ azione tatuatoria, con l’ obiettivo di migliorare il proprio aspetto visagistico intervenendo su occhi, labbra o sopracciglia.

E’ importante sottolineare che il trucco permanente si distingue dal classico tatuaggio artistico per 2 ragioni fondamentali:

  • Prima tra tutte, la composizione organica dei pigmenti impiegati.

Quando si sceglie di fare un classico tatuaggio o body tattoo, si è consapevoli che quel disegno sarà per sempre poiché i colori utilizzati sono colori DEFINITIVI e durano, quindi, per tutta la vita. Nel trucco permanente, invece, i pigmenti impiegati sono BIORIASSORBIBILI e, con il passare del tempo, vengono eliminati dal nostro corpo. Questa reversibilità, che per alcuni aspetti può risultare sconveniente all’ occhio del cliente, è invece un enorme vantaggio poiché permette di evitare viraggi causati dall‘ossidazione del pigmento e di modificare il proprio trattamento (nella forma e nel colore) qualora lo si voglia.

  • Le tecniche applicative e le attrezzature utilizzate, sicuramente meno invasive rispetto a quelle del classico tatuaggio

Per un trucco permanente è necessaria una sola seduta della durata di un paio d’ore seguita dai ritocchi periodici le cui tempistiche variano, però, da persona a persona.

La scelta della forma e del colore fa parte di quel fondamentale momento che precede il trattamento, la progettazione. In questa fase, molto delicata e a volte un po’ lunga, cliente ed operatore si confrontano sulla forma e sul colore che meglio rispettano la morfologia e la tonalità del volto e che soddisfano a pieno il gusto estetico del cliente stesso . Solo quando quest’ ultimo sarà convinto al 100% della proposta visagistica, si procederà con il trattamento di trucco permanente.

Il risultato finale di un trucco permanente sarà visibile dope 30/40, periodo in cui avviene la cicatrizzazione della pelle ed il tessuto trattato viene ripristinato. In questo lasso di tempo il tatuaggio subirà dei cambiamenti molto evidenti, caratterizzati da fasi in cui il colore sarà più scuro rispetto a quello scelto in fase di progettazione, a fasi in cui sembra che il pigmento sia stato completamente riassorbito, a causa della cicatrizzazione e della naturale esfoliazione cellulare che eliminerà il pigmento nel tessuto più superficiale della pelle (l’ epidermide).

Esistono diverse tecniche applicative finalizzate a dare maggiore naturalezza o maggior definizione. Sicuramente le tecniche a pelo e soprattutto quella iperrealistica dei Belfatto Lab è la più naturale in quanto ricrea un’arcata sopraccigliare in modo poco percettibile utilizzando stesso spessore, colore e verso dei peli esistenti.

Le tecniche di definizione sono quelle che rendono il sopracciglio più preciso nella sua totalità creando un a sfumatura più o meno intensa in base al gusto del cliente.

Per un trucco permanente è necessaria una sola seduta della durata di un paio d’ore seguita dai ritocchi periodici le cui tempistiche variano, però, da persona a persona.

La durata di questi lavori è anch’essa molto soggettiva e dipende da diversi fattori:

  • l’ età dell’ individuo. Più il cliente è giovane più veloce sarà il processo di eliminazione dei pigmenti rispetto ad una persona un po’ più anziana.
  • l’ esposizione al sole e a fonti di calore molto forti, che accelerano il processo di eliminazione del colore
  • il potere di cicatrizzazione della pelle
  • il tipo di pigmento spinto nel derma

In media i nostri clienti eseguono il ritocco dopo circa un anno.

Generiche

NON POSSONO sottoporsi ai trattamenti tutte le persone che soffrono di patologie cardiache, neurologiche ed emocoagulative o che seguono terapie farmacologiche (che possono interagire negativamente con questo tipo di trattamenti); donne in gravidanza o in allattamento; individui che sono sotto l’ influenza di droghe e/o alcool e minorenni non accompagnati da entrambi i genitori.

La percezione del dolore è un fattore sempre molto soggettivo. I trattamenti di trucco permanente in genere non sono dolorosi, ancor meno quelli di tricopigmentazione, ma proprio perché non si conosce la percezione del dolore di ciascun cliente si utilizzeranno appositi prodotti desensibilizzanti che renderanno il lavoro indolore e, addirittura, rilassante.

La durata di questi lavori è anch’essa molto soggettiva e dipende da diversi fattori:

  • l’ età dell’ individuo. Più il cliente è giovane più veloce sarà il processo di eliminazione dei pigmenti rispetto ad una persona un po’ più anziana.
  • l’ esposizione al sole e a fonti di calore molto forti, che accelerano il processo di eliminazione del colore
  • il potere di cicatrizzazione della pelle
  • il tipo di pigmento spinto nel derma

In media i nostri clienti eseguono il ritocco dopo circa un anno.

La prassi lavorativa del Belfatto Lab prevede una consulenza gratuita, che precede ogni eventuale trattamento, nel corso della quale il potenziale cliente ha l’ opportunità di conoscere tutte le norme igienico – sanitarie che interessano questo tipo di trattamenti, di approfondire l’ aspetto tecnico e di esternare il proprio gusto estetico. L’ operatore avrà modo, a sua volta, di visionare la parte su cui si desidera intervenire e di capirne la fattibilità e le esigenze del cliente.

Fissare un appuntamento presso un centro Belfatto Lab è molto semplice, basta chiamare oppure inviare una e-mail al centro a voi più vicino. Tutti i recapiti sono su questo sito, nell’ area Contatti

Dermopigmentazione Paramedicale

Prima di sottoporsi ad un trattamento di dermopigmentazione paramedicale è necessario che attendere almeno 8 mesi dall’ ultimo intervento chirurgico, per permettere alla parte trattata di cicatrizzare al meglio e di non presentare arrossamenti o irritazioni.

Con la dermopigmentazione paramedicale è possibile intervenire su cicatrici piatte, lisce o bianche ma NON POSSONO essere trattati cheloidi o cicatrici ipertrofiche.

A differenza delle altre specializzazioni (trucco permanente e tricopigmentazione) in cui la soluzione con pigmenti definitivi è sempre sconsigliata,nella dermopigmentazione paramedicale è possibile utilizzare sia colori bioriassorbibili che colori definitivi quando le parti da trattare NON sono in continua esposizione ai raggi solari o a fonti di calore molto forti (come nel caso di cicatrici sul seno o vitiligini nelle parti intime). Per tutti gli altri trattamenti su parti del corpo molto esposte (in particolare per il viso e le mani) la scelta ricade sempre sui pigmenti bioriassorbibili.

Con l’ utilizzo di pigmenti bioriassorbibili, solitamente, sono necessarie almeno 2 sedute affinchè il colore della parte trattata si confonda perfettamente con quello della pelle circostante. Nella prima seduta verranno effettuati diversi test utilizzando i 2/ 3 colori che più si avvicinano al colore della pelle del cliente. Dopo 40 giorni, nel corso della seconda seduta, scelta la tonalità più adatta, si procede con il trattamento vero e proprio.

Il costo di questi trattamenti dipende sempre dall’ estensione della zona da trattare, sia in presenza di cicatrici che di macchie ipo o ipercromiche.
Fai click qui per chiedere un preventivo personalizzato

Franchising

Certo, potresti farlo.
Ma la nostra mission è creare dermopigmentisti qualificati con un'elevata preparazione tecnica. In questo modo il marchio Belfatto Lab risponderà sempre alle aspettative del suo pubblico, e proteggerà la professionalità di chi vi aderisce.

A prescindere dalle tue esperienze pregresse, oggi devi affrontare una nuova sfida: nel pacchetto franchising è previsto un percorso accademico teorico-pratico fortemente stimolante per imparare a lavorare con le attrezzature e i pigmenti professionali, attraverso un percorso step by step guidato da docenti qualificati che, senza riserve, ti trasmetteranno tutte le loro conoscenze. Un esame finale ti permetterà di dimostrare la qualità che ti permetterà di far parte del nostro team!

Anche il più estroso del talenti, ha bisogno di basi solide da cui partire. La nostra esperienza nel tempo ti terrà lontano da possibili errori, da spiacevoli incidenti di percorso.

Abbiamo già intrapreso la strada che ora sarai tu ad attraversare; abbiamo già acquisito una base tecnico-scientifica ufficiale e valida da cui partire.
E' molto più comodo che iniziare da zero, non trovi? Arriverai prima al cliente, raggiungerai più velocemente i tuoi obiettivi e i tuoi guadagni non tarderanno ad arrivare!

Ti offriamo materiali di alta qualità, pigmenti certificati, attrezzature esclusive da noi brevettate e con un elevato valore di mercato per svolgere la dermopigmentazione nel modo più accreditato che si conosca.

Ma soprattutto ti offriamo un metodo testato, di sicuro successo, sotto il profilo tecnico, commerciale e comunicativo; ti diamo visibilità sul parterre nazionale, inserendoti nei circuiti web a più alta indicizzazione.

Contattaci, ti aiuteremo noi. Formazione, attrezzature, pigmenti, arredi, esclusività di zona, affiancamento sul posto, programmi di advertising, tools pubblicitari, kit vendita, materiale bibliografico, conoscenza del tuo break even point, formazione in self-marketing: ecco cosa comprende il nostro pacchetto.

Valuta tu stesso. Contattaci e ti mostreremo come il nostro programma di franchising sia studiato per permetterti di recuperare le spese con uno sforzo minimo.

Ricorda che la dermopigmentazione è una disciplina di élite: ai tuoi clienti non interessa risparmiare, ma sentirsi interamente soddisfatti.

Trucco Permanente

Il trucco permanente è un trattamento estetico realizzato spingendo un pigmento nel derma attraverso un’ azione tatuatoria, con l’ obiettivo di migliorare il proprio aspetto visagistico intervenendo su occhi, labbra o sopracciglia.

E’ importante sottolineare che il trucco permanente si distingue dal classico tatuaggio artistico per 2 ragioni fondamentali:

  • Prima tra tutte, la composizione organica dei pigmenti impiegati.

Quando si sceglie di fare un classico tatuaggio o body tattoo, si è consapevoli che quel disegno sarà per sempre poiché i colori utilizzati sono colori DEFINITIVI e durano, quindi, per tutta la vita. Nel trucco permanente, invece, i pigmenti impiegati sono BIORIASSORBIBILI e, con il passare del tempo, vengono eliminati dal nostro corpo. Questa reversibilità, che per alcuni aspetti può risultare sconveniente all’ occhio del cliente, è invece un enorme vantaggio poiché permette di evitare viraggi causati dall‘ossidazione del pigmento e di modificare il proprio trattamento (nella forma e nel colore) qualora lo si voglia.

  • Le tecniche applicative e le attrezzature utilizzate, sicuramente meno invasive rispetto a quelle del classico tatuaggio

Per un trucco permanente è necessaria una sola seduta della durata di un paio d’ore seguita dai ritocchi periodici le cui tempistiche variano, però, da persona a persona.

La scelta della forma e del colore fa parte di quel fondamentale momento che precede il trattamento, la progettazione. In questa fase, molto delicata e a volte un po’ lunga, cliente ed operatore si confrontano sulla forma e sul colore che meglio rispettano la morfologia e la tonalità del volto e che soddisfano a pieno il gusto estetico del cliente stesso . Solo quando quest’ ultimo sarà convinto al 100% della proposta visagistica, si procederà con il trattamento di trucco permanente.

Il risultato finale di un trucco permanente sarà visibile dope 30/40, periodo in cui avviene la cicatrizzazione della pelle ed il tessuto trattato viene ripristinato. In questo lasso di tempo il tatuaggio subirà dei cambiamenti molto evidenti, caratterizzati da fasi in cui il colore sarà più scuro rispetto a quello scelto in fase di progettazione, a fasi in cui sembra che il pigmento sia stato completamente riassorbito, a causa della cicatrizzazione e della naturale esfoliazione cellulare che eliminerà il pigmento nel tessuto più superficiale della pelle (l’ epidermide).

Esistono diverse tecniche applicative finalizzate a dare maggiore naturalezza o maggior definizione. Sicuramente le tecniche a pelo e soprattutto quella iperrealistica dei Belfatto Lab è la più naturale in quanto ricrea un’arcata sopraccigliare in modo poco percettibile utilizzando stesso spessore, colore e verso dei peli esistenti.

Le tecniche di definizione sono quelle che rendono il sopracciglio più preciso nella sua totalità creando un a sfumatura più o meno intensa in base al gusto del cliente.

Per un trucco permanente è necessaria una sola seduta della durata di un paio d’ore seguita dai ritocchi periodici le cui tempistiche variano, però, da persona a persona.

La durata di questi lavori è anch’essa molto soggettiva e dipende da diversi fattori:

  • l’ età dell’ individuo. Più il cliente è giovane più veloce sarà il processo di eliminazione dei pigmenti rispetto ad una persona un po’ più anziana.
  • l’ esposizione al sole e a fonti di calore molto forti, che accelerano il processo di eliminazione del colore
  • il potere di cicatrizzazione della pelle
  • il tipo di pigmento spinto nel derma

In media i nostri clienti eseguono il ritocco dopo circa un anno.

TRICOPIGMENTAZIONE