Dermopigmentazione

La dermopigmentazione paramedicale è una particolare specializzazione che si differenzia dal trucco permanente e dalla tricopigmentazione per le tecniche applicative, le attrezzature, le parti del corpo trattate e per le ragioni che spingono una persona verso questo trattamento.

A chi si rivolge?

L’ obiettivo di una dermopigmentazione paramedicale è quello di mascherare inestetismi legati ad esiti cicatriziali o a macchie ipercromiche ed ipocromiche ricreando lo stesso colore della pelle circostante.

Può essere applicata a molti casi di inestetismi del seno: cicatrici periareolari dovute ad interventi di mastoplastica additiva; cicatrici a ”T” rovesciata, causate da mastopessi; cicatrici da mastectomia dove, in seguito alla rimozione chirurgica della mammella ed una successiva ricostruzione, è possibile ricreare l’ areola ripigmentando l’anello intorno al capezzolo; ipocromia dell’ areola; areola di piccole dimensioni (con ingrandimento della stessa).

In presenza di cicatrici generiche (da appendicite, labbro leporino, cicatrici da interventi chirurgici generici), invece, la buona riuscita del trattamento dipenderà principalmente dallo stato della cute cicatriziale. Tanto più la zona si presenterà liscia e piana meglio risulterà l’effetto illusorio.

La dermopigmentazione paramedicale può, inoltre, mascherare macchie ipercromiche come la couperose o ipocromiche come la vitiligine.

Come fare per prendere un appuntamento?

Primo Step: Leggere attentamente la scheda riassuntiva "F.A.Q. DERMOPIGMENTAZIONE PARAMEDICALE"

Secondo Step: prenotare una consulenza gratuita nel centro Belfatto Lab più vicino, nel corso della quale verranno illustrate tutte le condizioni riguardanti il trattamento richiesto per capirne la fattibilità e le tecniche applicative e stilare un preventivo dettagliato.

Terzo Step: fissare un appuntamento per il primo trattamento chiamando oppure inviando una mail al centro Belfatto Lab che si preferisce, ai recapiti indicati nell’ area "contatti".